Disturbi dell’orgasmo

Se dopo una fase di eccitazione normale, si verifica un ritardo o un’assenza dell’orgasmo, persistente e ricorrente, si parla di Disturbo dell’orgasmo.

La diagnosi viene fatta nel caso in cui la difficoltà a raggiungere l’orgasmo non sia dovuta a una stimolazione sessuale inadeguata e nel caso in cui porti dei disagi nella vita privata di chi ne soffre.

L’orgasmo è una delle fasi della risposta sessuale ed è caratterizzato da contrazioni muscolari ritmiche che producono intense sensazioni corporee, seguite da un forte rilassamento.

Dal punto di vista psicologico, è un momento di piacere e di sospensione del pensiero e varia da persona  a persona e in momenti diversi.

L’orgasmo può essere influenzato da molti fattori come la stanchezza sia fisica che mentale, il luogo, l’intervallo di tempo tra un rapporto e l’altro, la motivazione psicologica.

L’incapacità a raggiungere l’orgasmo causa spesso un calo del desiderio in quanto si perde la motivazione ad avere rapporti sessuali che non risultano più piacevoli, tutto questo porta inevitabilmente a dei disagi all’interno della coppia.

Il partner potrebbe interpretare questa disfunzione come un rifiuto nei suoi confronti,  a causa del suo non saperci fare o del non essere attraente.

Nel valutare i sintomi riportati bisogna tenere conto di fattori come l’età del soggetto e la sua esperienza.

Una donna che abbia imparato a raggiungere l’orgasmo è difficile che perda questa capacità, ciò può succedere a causa di un’esperienza traumatica, di una comunicazione difficile col partner  o un conflitto nel rapporto.

E’ necessario quindi capire il tipo di relazione di coppia per aiutare il soggetto a superare il problema e distinguere un’anorgasmia primaria (riguarda chi non è mai riuscito a raggiungere l’orgasmo durante la sua vita) e un’anorgasmia secondaria (perdita di questa capacità).

Nell’uomo il disturbo causa incapacità a raggiungere l’orgasmo durante il rapporto sessuale anche se è presente l’eiaculazione.

L’eiaculazione e l’orgasmo infatti, non sono un unico ed identico processo anche se in situazioni normali, essi coincidono.

Sia nell’uomo che nella donna, la difficoltà a raggiungere l’orgasmo può verificarsi solo in alcune situazioni, ad esempio solo nel rapporto sessuale e non durante la masturbazione.

Quando frequentemente l’eiaculazione avviene a seguito di una minima stimolazione prima che il soggetto lo desideri e ciò provoca delle conseguenze sul piano personale, si parla di eiaculazione precoce.

Solo nel 10% degli uomini l’eiaculazione non volontaria avviene durante rapporti non coitali o quando tenta la penetrazione.

Più frequentemente ciò avviene quando inizia il coito, quindi l’uomo è in grado di partecipare alla fase preparatoria del rapporto.

Inoltre l’eiaculazione precoce può avvenire in alcune situazioni e non in altre, ad esempio solo durante rapporti extraconiugali.

Se non ci sono cause organiche che provocano questa disfunzione, è importante parlarne con un esperto.

Spesso i soggetti che ne soffrono mettono in atto delle strategie che aggravano la situazione piuttosto che risolvere il problema, ad esempio riducono al minimo i preliminari (il che può essere frustrante per la coppia) oppure riducono le stimolazioni genitali senza avere dei miglioramenti.

L’ansia da prestazione con conseguente evitamento dei rapporti è molto frequente, inoltre se non affrontato, il disturbo può portare a una disfunzione erettile dovuta proprio all’ansia.

L’eiaculazione precoce può essere superata, non è sempre una condizione permanente, esistono terapie psicologiche mirate ad aiutare il soggetto e soprattutto ad evitare che questo disturbo produca altre conseguenze più gravi, sul piano personale e interpersonale.

 

Bibliografia

•                    Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders,quarta edizione (DSM IV), American Psychitric Association.

•                     Sessuologia Clinica.Rifelli. Ed. Masson.

•                    Superare l’eiaculazione precoce.Metz, Mc Carthy. Ed. Eclypsi.

•                    Sesso. Energia, fantasia, vitalità, gioco. Strocchi, Castellani, Jodice. Ed. Mediterranee.

 

 

 

 

 

Comments are closed